Vuoi ricevere un REPORT GRATUITO sui RISCHI che corre la tua azienda nel commercio internazionale e sulle AZIONI CORRETTIVE da intraprendere per migliorare l’export?

Richiedi il CHECK-UP EXPORT COMPLIANCE

Le nuove sfide delle sanzioni USA

4 Novembre 2021

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha pubblicato il “Treasury 2021 Sanctions Review”, un report che delinea il quadro sull’utilizzo delle sanzioni economiche e finanziarie e fornisce indicazioni sulla modernizzazione delle politiche sanzionatorie statunitensi al fine di preservare la loro efficacia.

L’analisi evidenzia che le sanzioni rimangono uno strumento politico essenziale ed efficace per la tutela della sicurezza nazionale, della politica etera e dell’economia americana. Negli ultimi 20 anni le designazioni dell’OFAC (Office of Foreign Assets Control) del Dipartimento del Tesoro USA sono aumentate di +933%, passando dalle 912 designazioni nel 2000 alle 9.421 nel 2021.

Allo stesso tempo il report mette in luce come le sanzioni debbano anche affrontare nuove sfide. Tra queste si individuano i rischi derivanti dai nuovi sistemi di pagamento e dalla riduzione delle transazioni finanziarie internazionali in dollari USA da parte di avversari e alleati, il crescente utilizzo delle risorse digitali e degli attacchi informatici, l’equilibrio tra sanzioni e legittimi aiuti umanitari.

Significativa è l’attenzione posta dal Treasury 2021 Sanctions Review sul rischio che il depotenziamento del dollaro nelle transazioni finanziare internazionali possa ridurre l’efficacia delle sanzioni. Ad avviso del Tesoro USA, valute digitali e piattaforme di pagamento alternative possono offrire ai malintenzionati l’opportunità di detenere e trasferire fondi al di fuori del tradizionale sistema basato sul dollaro, agli Stati avversari l’opportunità di costruire sistemi finanziari per diminuire il potere della valuta USA.

Il report indica delle raccomandazioni chiave per affrontare le nuove sfide delle sanzioni e rafforzare l’efficacia del ruolo del Tesoro americano:

  1. L’adozione di un quadro politico strutturato che colleghi le sanzioni a un chiaro obiettivo politico
  2. Il coordinamento multilaterale delle sanzioni con gli alleati
  3. La calibrazione delle sanzioni e il loro mirato utilizzo per mitigare l’impatto economico, politico e umanitario non intenzionale
  4. Garantire che le sanzioni siano facilmente comprensibili, applicabili e, ove possibile, reversibili
  5. Investimenti da parte del Tesoro americano in tecnologie, personale e infrastrutture

Vuoi maggiori informazioni su questo tema?

Scrivici a info@zpcsrl.com oppure compila il form di contatto