Vuoi ricevere un REPORT GRATUITO sui RISCHI che corre la tua azienda nel commercio internazionale e sulle AZIONI CORRETTIVE da intraprendere per migliorare l’export?

Richiedi il CHECK-UP EXPORT COMPLIANCE

Nuovi obblighi doganali per le esportazioni verso l’Egitto

15 Settembre 2021

Introdotto un sistema digitale su blockchain per facilitare i flussi commerciali. L’innovazione evidenzia come a livello internazionale si stia diffondendo l’utilizzo di questa tecnologia nel settore delle spedizioni. In Italia il primo sistema è la piattaforma ACCUDIRE

 

Dal 1° ottobre scattano nuove procure per le esportazioni verso l’Egitto, che prevedono per le aziende l’utilizzo obbligatorio del sistema ACI (Advanced Cargo Information), istituito dal governo egiziano (L. 207/2020) per digitalizzare e facilitare i flussi commerciali.

La nuova procedura doganale richiede all’esportatore di inserire dati e documenti (es. fattura proforma e polizza di carico) su una piattaforma digitale, per consentire alle parti interessate di monitorare e gestire eventuali rischi della spedizione. I soggetti verso cui il sistema ACI impatta sono: esportatori e fornitori esteri, importatori egiziani, società di sdoganamento, compagnie di navigazione marittima e aerea.

Attraverso questo nuovo sistema, basato su tecnologia blockchain, le autorità egiziane si pongono diverse finalità: tutelare i cittadini egiziani da merci non identificate o di origine non identificata, ridurre i tempi di rilascio delle merci e i costi, favorire l’utilizzo di dati e documenti digitali al posto di quelli cartacei.

Gli step previsti dal sistema ACI:

1) L’importatore egiziano deve registrarsi sul portale www.nafeza.gov.eg e inviare i dati e i documenti del carico per acquisire il codice di identificazione ACID (Advance Cargo Information Declaration) prima dell’avvio delle operazioni di import, che poi viene comunicato all’esportatore.

2) L’esportatore estero deve inserisce il codice ACID sulla fattura e sugli altri documenti relativi all’esportazione. In caso di assenza o di codice errato, la merce non viene scaricata e ritorna al porto d’imbarco.

3) L’esportatore estero almeno 48 ore prima della partenza delle merci dal paese di esportazione carica tutti i documenti necessari sulla piattaforma CARGOX, che archivia in modo sicuro i dati grazie alla tecnologia blockchain.

Blockchain e spedizioni: il caso ACCUDIRE

L’innovazione introdotta dall’Egitto evidenzia come a livello internazionale sia sempre più diffuso l’utilizzo della tecnologia blockchain nel settore delle spedizioni. In Italia la piattaforma ACCUDIRE rappresenta il primo sistema di questo tipo, in grado di semplificare e rendere più efficiente l’export, predisposta per poter interagire con i diversi attori della filiera, altre piattaforme digitali e Paesi.

ACCUDIRE consente all’azienda esportatrice di eliminare tutti i processi manuali nella gestione dei documenti (controlli multipli, correzioni, rielaborazioni etc) e i relativi errori, di velocizzare le attività operative e ridurre i costi, anche i costi di elaborazione della bolletta doganale.

Inoltre, permette di dimostrare l’avvenuta uscita delle merci dall’UE (Visto Uscire) per le spedizioni transfrontaliere e la prova di effettiva consegna per i flussi intra UE (CMR), anche per darne evidenza in tempo reale all’Agenzia delle Entrate per il rispetto del regime di non imponibilità dell’IVA.

 

Vuoi maggiori informazioni su questo tema?

Scrivici a info@zpcsrl.com oppure compila il form di contatto