Vuoi ricevere un REPORT GRATUITO sui RISCHI che corre la tua azienda nel commercio internazionale e sulle AZIONI CORRETTIVE da intraprendere per migliorare l’export?

Richiedi il CHECK-UP EXPORT COMPLIANCE

Dazi antidumping, le ultime misure europee

23 Novembre 2021

La Commissione europea ha di recente adottato una serie di misure antidumping, imponendo dazi definitivi su alcuni prodotti importati da Cina, India, Indonesia, USA e Arabia Saudita. Le misure, che hanno l’obiettivo di tutelare l’economia europea dalla concorrenza sleale extra UE, interessano 912 milioni di euro di importazioni.

Cavi in fibra ottica importati dalla Cina

Il 19 novembre sono entrati in vigore dazi antidumping sui cavi in fibra ottica importati dalla Cina, per una percentuale che va dal 19,7% al 44%. La misura è stata presa a seguito di un’indagine che aveva rilevato la vendita di questi prodotti a prezzi ribassati grazie a sovvenzioni statali.

L’industria europea dei cavi in fibra ottica svolge un ruolo chiave nell’agenda digitale dell’UE, in particolare nella transizione verso reti di telecomunicazioni avanzate a banda larga. Il comparto genera un fatturato di 1 miliardo di euro e occupa 5.000 persone.

Laminati in acciaio importati da India e Indonesia

Il 19 novembre 2021 sono entrati in vigore dazi antidumping sull’importazione di piatti laminati a freddo in acciaio inossidabile originari dell’India e dell’Indonesia. I dazi vanno dal 13,9% al 35,3% per i prodotti esportati dall’India, dal 10,2% al 20,2% per le esportazioni dall’Indonesia.

Il settore dei piatti laminati a freddo in acciaio inossidabile è molto importante per l’UE: il consumo è pari a quasi 7 miliardi di euro e i posti di lavoro diretti sono oltre 13.500. L’utilizzo di questo prodotto è molto diversificato e comprende anche l’attrezzatura per la gestione dell’ampia gamma di prodotti chimici utilizzati dalle industrie di trasformazione e nel settore energetico.

Glicole monoetilenico (MEG) da USA e Arabia Saudita

Il 16 novembre 2021 sono entrati in vigore dazi antidumping sull’importazione di glicole monoetilenico (MEG) da Stati Uniti e Arabia Saudita. Il dazio va dal 3,0% al 60,1% per le aziende degli USA, mentre è pari al 7,7% per le aziende saudite.

Il MEG è un bene importante sul mercato dell’UE, con un valore di mercato di 860 milioni di euro. Viene utilizzato come principale materia prima per il polietilene tereftalato (comunemente noto come PET), sostanza utilizzata soprattutto per costruire contenitori per bevande e cibi, per la produzione di pellicole e nel settore tessile.

Prodotti di alluminio dalla Cina

A ottobre la Commissione europea ha adottato misure antidumping definitive sulle importazioni di prodotti laminati piatti in alluminio dalla Cina, ma ne ha sospeso temporaneamente l’applicazione per 9 mesi. I dazi – che variano dal 14,3% al 24,6% – entreranno in vigore l’11 luglio 2022. La decisione di sospendere la misura antidumping deriva dall’aumento della domanda UE di laminati piatti in alluminio e dalla difficoltà di reperire tali prodotti.

Prodotti sotto inchiesta in Cina e Marocco

La Commissione europea ha inoltre avviato delle inchieste a seguito di segnalazioni di sovvenzioni e dumping per alcuni prodotti provenienti dalla Cina e dal Marocco, al fine di valutare l’opportunità di adottare misure a tutela dei settori UE interessati. In particolare, i provvedimenti riguardano:

  • Avviso di apertura di un procedimento anti-sovvenzioni relativo alle importazioni di determinati sistemi di elettrodi di grafite originari della Repubblica popolare cinese
  • Avviso di apertura di un procedimento antidumping relativo alle importazioni di determinate ruote di alluminio originarie del Marocco

Le parti interessate che intendono presentare osservazioni sulla denuncia o su qualsiasi aspetto relativo all’apertura dell’inchiesta devono farlo entro 37 giorni dalla data di pubblicazione degli avvisi.

ZPC assiste le aziende nel valutare l’applicabilità dei dazi antidumping sui prodotti d’interesse rispetto alle misure adottate dall’Unione Europea.

ZPC è inoltre a disposizione per assistere le parti interessate a partecipare alle inchieste che riguardano Cina e Marocco.

Vuoi maggiori informazioni su questo tema?

Scrivici a info@zpcsrl.com oppure compila il form di contatto