Vuoi ricevere un REPORT GRATUITO sui RISCHI che corre la tua azienda nel commercio internazionale e sulle AZIONI CORRETTIVE da intraprendere per migliorare l’export?

Richiedi il CHECK-UP EXPORT COMPLIANCE

Convenzione PEM: anche tra UE e Moldavia applicabili nuove regole di origine preferenziale

24 Novembre 2021

Dal 16 novembre 2021 anche tra Unione Europea e Repubblica della Moldavia è possibile applicare in via facoltativa le nuove regole di origine preferenziale che interessano i paesi dell’area paneuromediterranea (PEM).

La Moldavia si aggiunge quindi agli altri paesi che a settembre 2021 avevano ratificato la revisione delle norme sull’origine rispetto a quelle attuali della Convenzione PEM, vale a dire: Svizzera, Norvegia, Islanda, Albania, Giordania e Isole Faeroe.

In attesa della revisione complessiva della Convenzione PEM e dell’adozione delle modifiche da parte di tutti e 21 i paesi interessati, l’applicazione delle nuove regole è in via transitoria e facoltativa. Questo significa che gli operatori economici dei paesi che hanno introdotto le nuove norme:

  • possono richiedere un trattamento preferenziale sulla base di tali norme riviste, oppure
  • possono applicare le attuali regole della Convenzione PEM, a seconda delle loro esigenze e preferenze commerciali.

La revisione complessiva della convenzione PEM punta ad aggiornare gli accordi di libero scambio tra l’UE i paesi partner, modernizzare le norme sull’origine preferenziale e renderle più flessibili e favorevoli alle imprese, al fine di rafforzare gli scambi commerciali.

Tra i diversi aspetti, le nuove regole di origine prevedono soglie di tolleranza più elevate per i materiali non originari, l’introduzione del “cumulo integrale”, la possibilità di utilizzo del duty-drawback per la maggior parte dei prodotti, regole più flessibili riguardo il trasporto diretto.

L’adozione delle nuove norme da parte degli altri paesi partner dell’UE è in corso e in fase di avanzamento. Si tratta di Macedonia del Nord, Serbia, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Georgia, Ucraina, Palestina, Libano, Turchia e Egitto.

La Direzione Generale Fiscalità e Unione Doganale (DG TAXUD) della Commissione Europea ha pubblicato una guida per supportare gli operatori nell’interpretazione delle nuove regole in questa fase transitoria. La guida è consultabile qui.

Vuoi maggiori informazioni su questo tema?

Scrivici a info@zpcsrl.com oppure compila il form di contatto